Riscaldare casa in inverno: i 5 errori da evitare

Per garantirti il giusto comfort è necessario non compromettere la circolazione del calore con mosse azzardate. Ecco le cattive abitudini da abbandonare – anche per la tua sicurezza e quella della tua famiglia –, dalla copertura dei termosifoni alla chiusura delle tende.

 

Sai come riscaldare casa nelle giornate gelide e garantirti il corretto tepore tra le mura della tua abitazione? I giorni della merla sono ormai vicini e fuori fa molto freddo, inevitabilmente: quello che puoi senz’altro fare però è assicurarti il giusto comfort domestico. Scopriamo allora gli errori da evitare se vuoi riscaldare casa in modo corretto, sicuro e senza sprechi!

Proteggiti dai guasti e risparmia!

Con la soluzione CaldaiaOK hai un numero verde sempre attivo e interventi illimitati in caso di guasti alla caldaia. Per te, l’accesso a una rete di 1.400 artigiani specializzati, copertura fino a 500€ per intervento e nessun costo aggiuntivo! Attivala a soli 10,49€/ mese.

ATTIVA ORA

Premessa: la manutenzione dell’impianto di riscaldamento

Prima di tutto, accertati di avere provveduto alla manutenzione della caldaia in caso di impianto autonomo, e verificato il funzionamento delle valvole termostatiche, se il tuo impianto è centralizzato. Dopodiché, se hai scordato di pulire e spurgare i caloriferi e controllare la tenuta di infissi e serramenti prima della riaccensione del riscaldamento, corri subito ai ripari!
Hai fatto tutto? Allora presta attenzione alle piccole negligenze e cattive abitudini che potrebbero compromettere la circolazione del calore: vediamole insieme.

1) Spegnere a lungo il riscaldamento

Stai partendo per una vacanza, magari per la settimana bianca, e decidi di chiudere del tutto l’impianto perché in casa non ci sarà nessuno per un po’ di giorni. Non è il massimo come soluzione… Meglio, invece, limitarsi ad abbassare il termostato (indicativamente sui 15°) in modo che al tuo rientro non sia necessario troppo tempo – e combustibile! – per riportare la temperatura a livelli ottimali.

2) Coprire i termosifoni

Hai fatto la lavatrice e vuoi che la biancheria si asciughi rapidamente, così la riponi sullo stendino attaccato al termosifone, oppure direttamente sopra al radiatore. Sbagliato! I caloriferi hanno bisogno di “respirare” per funzionare efficacemente e non vanno ostruiti con il bucato. Inoltre, durante l’asciugatura rapida sul calorifero si sviluppa troppa umidità nell’aria, al punto che potrebbero crearsi muffe dannose per la respirazione.

3) Tenere le tende chiuse

C’è di peggio che usare i termosifoni come asciugatrice: tenere sempre le tende chiuse mentre i caloriferi sono in funzione (in caso i radiatori siano collocati sotto la finestra), e così facendo, ostacolare anche in questo caso la corretta circolazione del calore. In generale, cerca di lasciare i termosifoni sgombri da tende: puoi per esempio scegliere modelli di tendaggi corti invece che lunghi fino a terra.

4) Posizionare mobili davanti ai caloriferi

Quanto detto per le tende, vale ancora di più per l’arredamento! Evita di collocare mobili, divani o poltrone in prossimità dei caloriferi. Grazie a questo accorgimento, il tepore circolerà senza ostacoli nella tua casa e i pezzi di arredo non si rovineranno per il caldo.

5) Lasciare le persiane aperte di notte

Infine, quando vai a dormire, non lasciare le persiane o le tapparelle aperte: chiudendole limiti la dispersione di calore verso l’esterno durante la notte (oltre agli spifferi, pericolosi per la salute). In generale, se non sprechi il piacevole tepore emesso dal tuo impianto, puoi evitare di alzare troppo la temperatura sul termostato: così facendo per ogni grado in meno puoi risparmiare dal 5 al 10% sul consumo di combustibile. Segui dunque questi consigli su come riscaldare casa per avere un caldo sicuro e bollette senza brutte sorprese!

 

 

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.