Estintore domestico: come sceglierlo

Nei luoghi pubblici e sul posto di lavoro l’estintore è obbligatorio, ma questo prezioso apparecchio può essere utile anche tra le mura domestiche per affrontare un eventuale incendio. Alcuni tipi di estintori sono anche oggetti di design… allora perché non scegliere uno utile ma anche bello?

 

È ingombrante e difficilmente si sposa con l’arredamento della casa, ma l’estintore domestico è utile soprattutto in cucina per intervenire in caso di principio di incendio. Scopriamo insieme quali tipi di estintori scegliere e anche quali sono i più glamour!


Tipi di estintore domestico

Qual è l’estintore più adatto per la tua casa? Esistono diverse sostanze in grado di spegnere un incendio; per ogni tipo di fuoco e per ogni tipo di materiale c’è un estintore dotato dell’agente estinguente specifico. Ecco nel dettaglio i tipi di estintore domestico:

  1. Estintore a polvere: è quello in generale più adatto all’uso domestico, perché puoi adoperarlo sia su fiamme provocate da liquidi infiammabili, sia su apparecchiature elettriche, quindi è particolarmente indicato per la cucina, dove si trovano numerosi elettrodomestici (non è adatto invece per lo spegnimento di fuochi causati da oli da cucina, per i quali il più indicato è l’estintore a schiuma).
  2. Estintore a schiuma: meno adatto per la casa nel suo complesso, perché contiene anche una parte di acqua e non puoi usarlo vicino a fonti di elettricità, mentre è efficace appunto per spegnere le fiamme che interessano pentole e fornelli. Controindicazioni? Lascia come residuo una gran quantità di polvere.
  3. Estintore CO2: contiene anidride carbonica allo stato liquido. Quando lo azioni la CO2 si trasforma dallo stato liquido a quello gassoso, soffoca il fuoco e raffredda il combustibile senza lasciare alcun residuo. Non è adatto però ai piccoli ambienti perché la fuoriuscita di anidride carbonica può saturare l’aria e provocare asfissia, quindi dopo l’uso devi aprire le finestre e lasciare areare a lungo la stanza.
  4. Estintore idrico: contiene per il 90% acqua e per il resto additivi che agiscono sia per il raffreddamento, sia per lo spegnimento. Sono più ecologici rispetto a quelli a schiuma, ma altrettanto controindicati per l’uso in presenza di fonti elettriche.

Proteggiti dai guasti 24h/24

Con il pacchetto Mini Jolly Sicurezza puoi richiedere 1 intervento all’anno sull’impianto elettrico o in caso di rottura e malfunzionamenti di serrature e vetri. Attivalo a soli 4,99€/mese.Attiva ora

Classi di estintori

I vari tipi di estintori si distinguono anche per il tipo di incendio che sono più efficaci a spegnere:

  • Classe A: per i materiali solidi (legno, carta)
  • Classe B: per i liquidi (alcol, benzina)
  • Classe C: per i gas (metano, idrogeno)
  • Classe D: per i metalli (zinco, titanio)
  • Classe E: per gli apparati elettrici
  • Classe F: per gli oli tipici da cucina, vegetali o animali

L’estintore a polvere, in linea generale, è quello più adatto all’uso domestico, anche perché è indicato allo spegnimento di tutte le classi di fuoco, tranne la F.


Come si usa l’estintore domestico

Tutti i tipi di estintori funzionano allo stesso modo: devi rompere il sigillo dell’impugnatura togliendo la linguetta di protezione e dirigere il getto verso il basso ovvero alla base del fuoco, per spegnere la fonte della fiamma. In genere l’estintore a uso domestico è piccolo e maneggevole, quello più usato pesa 6 kg; per soffocare piccoli principi di incendio può bastare anche la misura più piccola come quello da 1 a 3 kg, ma per maggior sicurezza e tranquillità è meglio acquistare un estintore più capiente, da 6 a 9 kg.


Quanto costa un estintore

Nei negozi di ferramenta e fai da te puoi trovare l’estintore più adatto alle tue esigenze! Il costo è molto contenuto, per quelli a polvere si va da 20 a 40 euro circa in base alla capacità e al modello, mentre per gli estintori a schiuma si trovano nella capacità di 6 litri a circa 60 euro; più cari gli estintori a CO2, che partono dai 50 euro per 2kg.


Estintore domestico di design

L’estintore di per se non è molto piacevole da vedere, le sue dimensioni e i suoi colori accesi sicuramente non lo rendono un elemento d’arredo da tenere in bella vista in casa.
Problema risolto, con gli estintori ad uso domestico che diventano oggetti di design e si adattano ad ogni ambiente con un tocco di originalità!

Se sei interessato anche all’aspetto estetico e sei disposto a pagare per questo un po’ di più, ecco che su Amazon a partire da meno di 50 euro puoi trovare degli estintori colorati e personalizzabili. Puoi scegliere tra varie proposte di serigrafie, fino al raffinato ed elegante estintore color oro lucido, in vendita a 260 euro circa.

Qualunque tipo di estintore domestico sceglierai, nel caso di sviluppo di piccoli principi di incendio averne uno a portata di mano è indubbiamente una protezione in più contro gli incidenti casalinghi. Ricordati che, a meno che l’entità dell’incendio sia poco rilevante, è comunque consigliabile avvisare immediatamente i vigli del fuoco e uscire di casa per evitare eventuali rischi di intossicazione.

 

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.