Come curare i gerani

Quando le temperature si alzano, il geranio si risveglia e regala fiori colorati ai nostri balconi! Ecco come prendersene cura – dall’esposizione all’annaffiatura – e come mantenerlo bello e rigoglioso a lungo.

 

Ti è capitato di invidiare quei bei balconi fioriti pieni di gerani di tutti i colori? Ebbene, anche tu potrai abbellire il tuo balcone o il giardino con questa pianta facile da curare, resistente agli sbalzi di temperatura e generosa nelle fioriture. Leggi i nostri consigli su come curare i gerani.


Come avere gerani sempre fioriti

Hanno poche pretese ma, per farli crescere bene, bisogna sapere come curare i gerani. A partire dal terreno che deve essere fertile, fresco e ben drenato; in commercio, nei negozi di articoli per il giardinaggio, sono in vendita dei terricci apposta per la coltivazione dei gerani, ricchi di torba e argilla per trattenere l’acqua. La concimazione va fatta regolarmente in primavera fino all’autunno. Scegli un fertilizzante liquido e di origine organica da diluire con l’acqua per l’annaffiatura. Azoto, fosforo e potassio aiuteranno a mantenere rigogliosa la fioritura. Il geranio ha bisogno di un vaso capiente alto almeno 20 cm e dai 20 ai 40 cm di diametro, a seconda delle dimensioni della pianta.

Non perderti le ultime news!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gratuitamente i consigli su giardinaggio, fai da te, risparmio domestico, sicurezza e tecnologia.

Iscriviti ora

Come coltivare i gerani: esposizione e annaffiatura

Per avere gerani sempre fioriti è fondamentale anche l’esposizione: ben soleggiata e arieggiata, ideale dunque un balcone o un giardino esposto a sud o sud-est. Il geranio soffre il freddo per cui le tiepide temperature di primavera sono ideali per favorire la sua fioritura; va annaffiato regolarmente una volta al giorno quando fa più caldo o quando il terreno si secca, meglio al mattino presto, ma fai attenzione a non lasciare ristagni di acqua nel sottovaso.


Quando potare i gerani

Controlla ogni giorno i tuoi gerani ed estirpa le foglie e i fiori appassiti usando un paio di forbici disinfettate in modo da non rischiare di trasmettere eventuali malattie. Pratica un taglio netto ad un cm dalle parti vegetali morte facendo attenzione a non graffiare i rami sani, che così potrebbero essere esposti agli attacchi dei parassiti.


Come curare i gerani (e difenderli!)

Se i tuoi gerani hanno le foglie ingiallite significa che non ricevono sufficiente luce: basta dunque cambiare l’esposizione e tagliare le foglie malate. Quando ti accorgi che i rami sono scuri devi annaffiare con meno frequenza e controllare che non ci siano ristagni d’acqua nel sottovaso. In primavera è frequente che dopo abbondanti piogge nascano funghi e muffe che possono attaccare il geranio, te ne accorgi perché le foglie si riempiono di macchie color ruggine. In questo caso devi usare i prodotti antifungini dedicati.

Oltre ai colori accesi, un vantaggio dei gerani sul tuo balcone è che il loro profumo a noi tanto gradito è invece repellente per le zanzare, che quindi se ne staranno lontane dalla tua casa (soprattutto in vista dell’estate)!

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.