5 consigli su come risparmiare acqua

Limitare il consumo dell’acqua si può, con piccole accortezze quotidiane e l’uso di dispositivi come il riduttore di flusso per la doccia o l’aeratore da applicare al rubinetto.

 

Sebbene oltre il 70% della superficie terrestre ne sia coperta, la percentuale di acqua potabile sul totale è inferiore all’1%. Sprecarla, è un lusso che non ci possiamo permettere; ecco allora 5 accorgimenti utili al benessere del pianeta da mettere in pratica nella tua casa, che ti garantiscono anche risparmi in bolletta.


1. Scegli i dispositivi e segui le pratiche salva-acqua

I riduttori e gli aeratori che integrano il getto idrico con aria costano poco, si applicano facilmente a soffioni e rubinetti e assicurano una pressione adeguata. L’effetto sarà un flusso d’acqua abbondante, nonostante sia ridotto. Perché non provarli?
In generale, per risparmiare acqua apri i rubinetti solo per il tempo necessario: mentre spazzoli i denti, ti radi o ti insaponi sotto la doccia – sempre preferibile al bagno – puoi tranquillamente chiuderli prima del risciacquo. Quando lavi frutta e verdura, poi, opta per un ammollo in bacinella o nel lavello.


2. Utilizza lavatrice e lavastoviglie a pieno carico

Prima di avviare lavastoviglie e lavatrice, accertati che siano a pieno carico: così facendo risparmi acqua ed elettricità. Occhio anche alla pulizia periodica dei filtri e alla qualità e quantità di detersivo che usi, per evitare ulteriori sciacquature.
In caso dovessi acquistare nuovi apparecchi, valuta quelli di classe A++ che dimezzano il consumo idrico ed elettrico.


3. Scegli lo sciacquone intelligente

Se hai in previsione una ristrutturazione del bagno, sostituisci il vecchio sciacquone con uno a flusso basso o differenziato: nel primo caso la cassetta ha una capacità massima di 6 litri, nel secondo un doppio pulsante consente di diversificare la portata dello scarico a seconda delle esigenze. Per limitare il getto, puoi anche inserire nella cassetta esterna una bottiglia di plastica riempita con acqua e ghiaia.


4. Ricicla l’acqua e aguzza l’ingegno

L’acqua corrente e quella che stai per gettare nel lavandino potrebbero essere riutilizzabili. Per esempio puoi:

  • Raccogliere in un contenitore l’acqua che fai scorrere in attesa di una sua giusta temperatura e usarla per il bucato a mano
  • Riutilizzare l’acqua del condizionatore e del deumidificatore – che è priva di calcare – per il ferro da stiro
  • Usare l’acqua in cui hai cotto la pasta per lavare i piatti o per la cottura al vapore di altre pietanze
  • Riempire catini con acqua piovana – se hai uno spazio esterno – e sfruttarla per tutti gli usi non domestici.

Quando non sei sicuro sui possibili impieghi dell’acqua riciclata, puoi sempre servirtene per lo scarico del wc (se priva di sedimenti).


5. Controlla il contatore dell’acqua

Di tanto in tanto, leggi il contatore dell’acqua la sera prima di andare a letto e verifica poi la mattina che la cifra non abbia subito variazioni. Se è aumentata, significa che ci sono perdite: meglio correre subito ai ripari. Un rubinetto che spreca una sola goccia al secondo finisce per disperdere circa 5.000 litri di acqua in un anno. In ogni caso, la lettura regolare ti aiuta a tenere sempre sotto controllo i consumi.
Vuoi avere protezione e assistenza 24h/24 sul tuo impianto idraulico, perdite incluse? Scopri le Soluzioni Acqua proposte da Assistenza Casa.

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.