Scegliere i coltelli da cucina

In acciaio inox, in ceramica, al carbonio: un set di coltelli di livello professionale è un prezioso alleato nella preparazione di tutti i cibi. Scopri quello che c’è da sapere prima dell’acquisto



I coltelli da cucina sono tra gli utensili che gli appassionati dei fornelli scelgono con maggiore cura. La lama giusta al momento giusto, infatti, fa la differenza. E sottovalutare questa regola aurea può danneggiare irrimediabilmente anche il miglior arrosto o il pane più fragrante.


Quali sono i coltelli da cucina più usati

Se chiedete a uno chef, o anche a un amico appassionato di cucina, saprà indicarvi con facilità almeno una ventina di coltelli differenti, ciascuno con una specifica funzione. Per avere una cucina attrezzata, però, non è necessario possederli tutti. Basta procurarsi i fondamentali (un set di base di media qualità costa circa 50 euro) e arricchire la collezione una volta che se ne sente l’esigenza. Tra i coltelli più usati ci sono il coltello trinciante, dalla lama lunga tra i 20 e i 30 cm, che serve per tagliare, affettare e tritare, ad esempio le verdure; il coltello per il pane, dalla lama seghettata; il coltello da arrosto, dalla lama lunga e sottile; i coltelli da formaggio, che sono diversi a seconda del tipo di pasta da affettare e vanno dal coltellino per il Grana Padano a quelli specifici per i formaggi a pasta morbida o più dura.


I coltelli sardi e giapponesi

Ci sono culture in cui i coltelli sono veri e propri oggetti di culto. In Sardegna, ad esempio, i coltelli sono prodotti con maestria da artigiani specializzati nel solco delle antiche tradizioni dei pastori. Anche i coltelli giapponesi sono rinomati per la precisione del taglio, la stabilità e la sicurezza nell’utilizzo data dal fatto che la parte sinistra della lama è arrotondata, non affilata, in modo da evitare gli incidenti. I coltelli giapponesi più conosciuti sono il Santoku, assimilabile a un coltello trinciante, e lo Yanagiba, che serve nella preparazione del sushi.

Sei al sicuro tutto l’anno

Con Sicurezza Senza Limiti non ti devi preoccupare più di nulla, dal momento che avrai inclusi 12 mesi di interventi illimitati in caso di rotture e malfunzionamenti a vetri, serrature e impianto elettrico.Scopri di più

Come scegliere i coltelli da cucina

Per scegliere un coltello da cucina è necessario tener conto delle sue caratteristiche – in particolare dei materiali di cui è composto – e dell’uso che se ne intende fare. Il materiale più usato nella realizzazione dei coltelli è l’acciaio inox, apprezzato per la sua resistenza, anche alla corrosione. Ma se ne trovano anche in acciaio al carbonio, ancora più duro, o in titanio, di particolare pregio, perché oltre ad essere resistente è leggero e mantiene a lungo l’affilatura. Particolarmente trendy sono i coltelli dalla lama in ceramica, che sono leggeri, maneggevoli, mantengono a lungo il filo e sono igienici, ma anche piuttosto fragili. Un occhio di riguardo va anche alla composizione del manico: quello in legno rende il coltello leggero e maneggevole, ma essendo un materiale poroso può assorbire impurità e batteri. Inoltre non è lavabile in lavastoviglie perché si rovina a contatto con l’acqua. I manici in plastica hanno il pregio della leggerezza e della sicurezza igienica, ma rischiano di consumarsi velocemente e, con la loro leggerezza, possono rendere il taglio poco preciso. I coltelli con manico in acciaio inox sono invece igienici e resistenti, ma possono essere scivolosi.


Come e quando affilare i coltelli

Per avere coltelli sempre perfetti non basta pulirli accuratamente dopo ogni utilizzo. È necessario mantenerli sempre affilati per evitare di lavorare con difficoltà e rovinare i cibi. Quando il taglio non è più perfetto è bene rivolgersi a un professionista. Oppure si può acquistare un attrezzo apposito online o, meglio ancora, in un negozio specializzato dove potranno mostrarvi come utilizzarlo al meglio.

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.