Porta blindata: scegli quella giusta

Una porta antieffrazione ti garantisce sicurezza e tranquillità e oggigiorno l’estetica non è più sacrificata a vantaggio della funzionalità, come avveniva un tempo. Scopri qual è la porta blindata che fa per te.

 

La porta di casa segna il confine tra il mondo esterno e la nostra abitazione, da cui tiene fuori tutte le presenze indesiderate. Per assicurarti la massima protezione contro l’eventualità di scasso, intrusioni e furto scegli una porta blindata, prestando attenzione alle sue caratteristiche: livello di sicurezza, isolamento acustico e termico e tipologia dei pannelli di rivestimento, che rendono la porta d’ingresso bella, oltre che sicura.

Non perderti le ultime news!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gratuitamente i consigli per la tua casa.

Iscriviti ora


Muro e porta antieffrazione: un blocco unico

Gli elementi peculiari di una porta antieffrazione sono:

  • telaio in acciaio
  • lamiere in acciaio
  • zanche in acciaio
  • montanti di rinforzo
  • serratura di sicurezza
  • cilindro di sicurezza

Le zanche sono staffe ricurve che si utilizzano per ancorare il telaio alla muratura, nella quale penetrano per 10/15 centimetri. In sostanza la porta e il muro devono diventare un tutt’uno, così da garantire la massima tenuta. Se la parete che ospiterà la porta blindata è fragile, va necessariamente rinforzata prima dell’installazione, che deve essere riservata a specialisti del settore in grado di fare tutte le verifiche del caso: chiedi un sopralluogo per la stima degli interventi.


La sicurezza? È questione di classe

Ogni porta blindata appartiene a una classe di sicurezza che certifica il suo grado di resistenza alla forzatura, misurato da test e simulazioni ad hoc. In base alle norme UNI ENV 1627-30, le classi vanno dalla 1 alla 6: più la classe è alta, maggiore è la resistenza (e il costo della porta). Se vivi in condominio è indicata almeno una classe 2, a meno che tu non abbia molti beni di valore da proteggere: in questo caso, meglio partire dalla 3. Per le case unifamiliari e le villette sono consigliate le classi 3 e 4. Valuta con attenzione gli effettivi fattori di rischio in modo da spendere il giusto per la tua porta blindata.


Isolamento termico e acustico

Una porta di qualità è in grado di non disperdere il calore in inverno o l’aria fredda del condizionatore d’estate, ti regala cioè un elevato comfort abitativo e contribuisce ad abbattere la spesa per la climatizzazione. Assicurati quindi che la “trasmittanza termica” della porta antieffrazione sia bassa, per goderti il tepore o il fresco di casa e non esporti allo spreco energetico. Se abiti in un palazzo o in una zona particolarmente chiassosi, scegli una porta che faccia adeguatamente da barriera ai rumori che vengono da fuori. Trovi tutte le informazioni relative a capacità di isolamento termico e acustico sulla scheda prodotto: gli specialisti che faranno il sopralluogo sapranno chiarire ogni tuo dubbio.


Porta blindata: anche l’occhio vuole la sua parte

Quando si parla di blindate, ci si riferisce sempre a porte dal cuore d’acciaio. La struttura può tuttavia essere rivestita con pannelli di materiale, foggia e colore vari, sia sul lato interno, così da essere in sintonia con l’arredo domestico, pavimento e infissi, sia su quello esterno, per adeguarsi agli standard condominiali o comunque al contesto architettonico. I pannelli in legno massello sono perfetti se hai un arredamento classico, quelli pantografati con decori sono di tendenza e ben si sposano con uno stile moderno. Le possibilità di personalizzazione sono infinite, scegli quindi con cura la tua porta blindata: sarà anche il biglietto da visita del tuo appartamento.

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.