Le storie di Assistenza Casa – Fuga di gas

Valentino

Elettricista e termoidraulico

42 anni

Dal 2011 lavora per Assistenza Casa
nel Centro Italia

Il guasto

Casa di Mauro, dal contatore proviene un odore intenso di gas

La soluzione

Affidarsi a un tecnico qualificato!
Valentino ha verificato la perdita e messo in sicurezza il contatore del gas

Mauro, impiegato di 49 anni, abita in una casa indipendente in provincia di Viterbo: sta rincasando quando si accorge che dal contatore esterno vicino al cancello di ingresso proviene un forte odore di gas. Preoccupato, chiama subito Assistenza Casa: con la soluzione Gas Senza Limiti, l’intervento di un artigiano esperto è immediato ed è incluso nel canone mensile.
Dopo un’ora Valentino è a casa di Mauro e dopo sole 2 ore il guasto è riparato. Ecco il suo racconto e qualche consiglio utile per ridurre il rischio di fughe di gas!

 

L’intervento

Quando ho ricevuto la chiamata dalla Centrale Operativa di Assistenza Casa, mi sono subito organizzato col mio assistente e in meno di un’ora abbiamo raggiunto casa di Mauro. Il contatore dal quale proveniva l’odore di gas era fuori dal cancello; abbiamo usato un manometro e una bomboletta spray per la ricerca della fuga. La perdita era nel tubo sopra al contatore e l’abbiamo riparata (dopo aver rassicurato Mauro!).
A garanzia della tenuta di tutti i tubi, abbiamo messo l’impianto sotto pressione con i manometri e tutto è tornato a funzionare alla perfezione. Il disagio per il cliente è stato minimo, in quanto abbiamo chiuso il gas per sole 2 ore, il tempo necessario per risolvere il guasto.

 

I consigli dell’artigiano

 

• Come si ci accorge della presenza di una fuga di gas?

L’odore del gas – che è aggiunto artificialmente dall’uomo, proprio per questo scopo – è il primo segnale e in genere proviene dalle tubazioni vicine al contatore esterno. Se si tratta di piccole dispersioni non c’è un particolare pericolo per l’incolumità delle persone, perché il contatore si trova all’esterno e non è possibile dunque che si formi una concentrazione di gas tale da causare intossicazioni e/o addirittura esplosioni. In questo caso bisogna chiamare un artigiano per fare i necessari controlli e riparare la perdita.
Un altro segnale è l’aumento anomalo dei consumi di gas che si vede dalla bolletta. Significa che può esserci una dispersione nell’impianto e che occorre quindi intervenire con le opportune verifiche tecniche.

Metti al sicuro il tuo impianto del gas

Con Gas Senza Limiti hai 1 anno di interventi illimitati sul tuo impianto del gas, interventi di sblocco della caldaia e accoglienza gratuita in hotel in caso di inagibilità dell’abitazione. Per te, una rete di 1.400 artigiani specializzati e tutta la serenità di cui hai bisogno, a soli 7,99€/mese.Scopri più

Come si possono ridurre i rischi legati alle fughe di gas?

L’impianto deve essere a norma e bisogna affidarsi sempre a tecnici esperti per la manutenzione dell’impianto e per il controllo della caldaia, che va fatto regolarmente.
Per quanto riguarda i fornelli, invece, consiglio di scegliere sempre quelli dotati di termocoppia, un dispositivo di sicurezza che blocca automaticamente l’erogazione del gas se non c’è la fiamma.

 

• Cosa fare con il gas quando si sta fuori casa per diversi giorni?

Per maggiore tranquillità e sicurezza è sempre bene chiudere il rubinetto del gas, quello che di solito si trova sotto al lavello della cucina. Invece non bisogna mai chiudere la manopola del contatore perché, se si mette in funzione la caldaia senza ricordarsi prima di riaprirla, si possono fare danni non da poco… La caldaia va in blocco ed è necessario l’intervento di un tecnico specializzato. Quindi, occhio.

 

Parola di Valentino!

 

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.