In forma con il Pilates!

Come e perché questa ginnastica dolce, inventata un secolo fa da un insegnante tedesco, ti può aiutare a tornare in forma e ad avere un corpo forte e tonico già dopo poche settimane di pratica.



Il Pilates è solo una moda? È una domanda che viene spontaneo porsi di fronte al diffondersi di questa disciplina di cui si parla sempre di più e che, se in passato veniva praticata solo in centri specializzati, oggi è sempre più spesso presente anche nelle offerte di corsi delle palestre. Bene: se c’è una cosa da sapere sul Pilates è che non è un trend improvvisato, ma una disciplina nata da anni di studio del corpo umano, delle fasce muscolari e della postura, e che praticato con attenzione e regolarità è un vero toccasana, ideale anche per chi non è avvezzo all’attività fisica e cerca un modo per rimettersi in forma in modo graduale. 


Un metodo che ha cent’anni

Al contrario di discipline e arti marziali dai natali antichi, come yoga e tai chi chuan, il metodo Pilates fu sviluppato nella prima metà del XX secolo dal tedesco Joseph Pilates che, spinto dal desiderio di superare i problemi di salute che lo affliggevano già durante l’infanzia – tra cui rachitismo e debolezza muscolare – si dedicò a uno studio approfondito dell’anatomia umana, delle discipline orientali e di quelle sportive. È da tutte queste ispirazioni che nacquero gli esercizi di Pilates, oltre a speciali macchinari per l’allenamento, che furono poi a lungo sperimentati con grandi benefici dai pazienti di ospedali e centri di riabilitazione.

La tua casa senza problemi!

Gli imprevisti sono dietro l’angolo, previenili con un intervento all’anno su una delle categorie disponibili: Luce, Gas, Acqua, Caldaia, Elettrodomestici, Climatizzatore, Fabbro e Vetraio.Scopri di più

Pilates: Matwork o Antigravity?

Il Pilates ha tra i suoi scopi quello di farci prendere coscienza del nostro corpo e richiede attenzione e concentrazione a chi lo pratica. Temi di annoiarti? Non c’è pericolo: gli esercizi che si possono praticare – anche con l’aiuto di attrezzi come palla, ring o bande elastiche – sono moltissimi e vanno da quelli a corpo libero sul tappetino (detti “Matwork”), a quelli che richiedono l’ausilio di macchinari specifici. Recentemente è nata una variante più trendy che unisce i principi del Pilates al fitness e allo yoga: è conosciuto come Antigravity e si pratica su amache sospese. Non è consigliata ai neofiti, in quanto piuttosto impegnativa e faticosa.


Pilates: i principi cardine

– La concentrazione: ogni esercizio di Pilates – a corpo libero o con l’aiuto di supporti o macchinari – viene ripetuto un numero limitato di volte, ma con grande attenzione. Ogni movimento deve essere pensato e calibrato.

– La respirazione: come accade per le discipline come lo yoga, una respirazione consapevole è fondamentale per restare concentrati ed eseguire gli esercizi di Pilates al meglio.

– Il baricentro: il Pilates punta al rafforzamento dei muscoli del cosiddetto “core”, all’incirca la zona compresa tra la parte finale della cassa toracica e il bacino. Rafforzandolo si migliora la postura.

– Controllo e precisione: ogni movimento è controllato ed eseguito in modo accurato.

– La fluidità: una volta appresi gli esercizi si impara a eseguirli uno dopo l’altro, allenando forza e resistenza.

Pilates: i benefici

Il Pilates è efficace? Stando all’opinione dell’ideatore di questa disciplina, “In dieci lezioni sentirai la differenza, in venti lezioni vedrai la differenza, in trenta lezioni avrai un corpo nuovo”. I benefici del Pilates, in effetti, sono molteplici e vanno dal rafforzamento dei muscoli addominali al miglioramento della mobilità e della flessibilità della colonna vertebrale, dal miglioramento della postura alla prevenzione del mal di schiena, senza dimenticare un’efficace azione antistress. Desideri avvicinarti al mondo del Pilates? Il nostro consiglio è quello di consultare un esperto di questa disciplina, in modo da farlo in tutta sicurezza.

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.