Gennaio, è tempo di piantare le viole

Quando a gennaio la natura si riposa e il terreno è freddo e sembra inospitale, in realtà è il momento migliore per seminare le viole. Resistenti alle basse temperature di questi giorni, regaleranno le prime fioriture già a marzo. Ecco come fare!



Vuoi un balcone fiorito o un’aiuola piena di fiori colorati nel tuo giardino? È arrivato il tempo di seminare le viole in un semenzaio per poi mettere a dimora le prime piantine a inizio primavera. Scegli i semi della varietà che preferisci (mammola, viola del pensiero, viola cornuta), procurati un buon terriccio ricco di humus e segui i nostri consigli!


Come fare un semenzaio

Procurati dei piccoli contenitori, come dei vasetti dello yogurt (che forerai alla base) o i cartoni porta uova. In alternativa puoi acquistare dei semenzai nei negozi di giardinaggio, oppure sullo store di Amazon dove troverai un’ampia scelta. Riempili con uno strato di terriccio sterile, che puoi acquistare nei vivai o fare tu stesso riempiendo dei vassoi in alluminio che infornerai per 5 minuti a 140°. Mescola poi il terriccio con torba o sabbia e concime organico. Lascia i semi di viola in un bicchiere d’acqua per una notte e poi semina un solo seme per ogni contenitore, ricoprendolo con 1 cm di terra. Bagna delicatamente con uno spruzzino almeno 1 volta al giorno in modo da non lasciare mai seccare il terreno. Lascia il semenzaio in un luogo ben soleggiato e riparato dalle correnti d’aria e dagli agenti atmosferici: l’ideale sarebbe una veranda esposta a sud.

Proteggiti anche dai guasti domestici

Con Sicurezza Senza Limiti puoi dormire sonni tranquilli! Per te un anno di interventi illimitati in caso di guasti all’impianto elettrico e rottura o malfunzionamento di vetri e serrature. Attiva la protezione 24h/24 a soli 16,99€/mese.Scopri di più

Quale viola scegliere

Esistono moltissime varietà di viole, tutte hanno in comune fiori coloratissimi dai grandi petali con fioriture abbondanti e particolarmente resistenti alle basse temperature. Per questo da sempre le viole sono uno dei fiori preferiti per adornare balconi e aiuole, anche negli spazi pubblici. La varietà più comune è la viola cornuta, dal tipico colore viola acceso con un punto giallo al centro della corolla. Ma si trova anche in altre varianti di colore, dal rosa al giallo al porpora e l’amaranto. Se invece ami i colori più tenui scegli la viola del pensiero dai petali lilla e giallo chiaro. Mentre la viola mammola o violetta è di un solo colore blu-violetto, con i petali più piccoli e allungati.


Come curare la viola e mantenere la fioritura

La viola è una delle prime piante a fiorire già a marzo e mantiene intatti i suoi fiori fino all’inizio dell’estate. Teme però la siccità e il caldo, quindi devi annaffiarla spesso non appena il terreno tende a seccarsi e mettere a dimora le piantine in un luogo lontano dalla luce diretta del sole e al riparo dalle correnti d’aria.
Appena comincia la fioritura, usa ogni 15 giorni un concime liquido per piante da fiore da diluire nell’acqua delle annaffiature e ricordati di cimare i fiori appassiti in modo da favorire nuove fioriture.


Le viole: buone anche da mangiare

La viola è tra i fiori commestibili il più dolce e saporito. Puoi aggiungere I fiori freschi nelle insalate o nelle macedonie oppure per decorare torte e pasticcini. La viola mammola o violetta si presta per essere candita o usata per profumare delicatamente un infuso di the nero. Un’unica accortezza: se vuoi usare le tue viole in cucina non usare concimi chimici per stimolare la fioritura, meglio pochi fiori ma assolutamente biologici!

Ora che hai imparato le proprietà di questo splendido fiore puoi provare anche tu a seminarlo, tra un paio di mesi potrai mettere a dimora le piantine di viola in vaso o nella terra del giardino e godrai per diversi mesi dei loro profumatissimi fiori.

Hai qualche dubbio sui nostri prodotti? Qua trovi tutte le risposte.