Fiori di pesco: come si coltiva la pianta in vaso

Rosa, profumati e ornamentali, i fiori di pesco sbocciano all’inizio della primavera e sono i protagonisti delle decorazioni pasquali. Per avere rami ricchi e fioriti ecco alcune indicazioni su come puoi curare la pianta in vaso anche sul tuo balcone.



Se non hai un giardino puoi godere della bellezza dei fiori di pesco coltivando una pianta della varietà nana sul tuo terrazzo. Non crescerà oltre i 2 metri di altezza e ti regalerà ogni primavera una fioritura straordinaria. Segui queste indicazioni per prenderti cura del tuo pesco!


Fiori di pesco: caratteristiche della pianta

Il pesco non è solo un albero da frutto ma anche una pianta ornamentale, coltivata nei giardini per le sue forme armoniose e per il profumo inebriante dei fiori. All’inizio della primavera i rami privi di foglie si riempiono di fluorescenze che sbocciano raggruppate in piccoli mazzetti o grappoli lungo i rami. I fiori hanno 5 petali dalle sfumature delicate dal bianco al rosa e la fioritura permane a lungo prima di dare vita al frutto più dolce della stagione: la pesca.

Non perderti le ultime news!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi gratuitamente i consigli su giardinaggio, fai da te, risparmio domestico, sicurezza e tecnologia.
Iscriviti ora

Come curare la pianta in vaso

Il pesco si adatta a qualunque tipo di terreno, ma l’ideale è un terriccio dal pH neutro, drenato, mescolato a sabbia e humus. Il vaso deve avere un diametro di 30 cm: riempilo di argilla e torba per garantire la costante umidità del terriccio. Posiziona la tua pianta in un angolo ben soleggiato ma al riparo dalle correnti d’aria e abbonda nelle innaffiature durante tutto il periodo della fioritura, perché è proprio questo il momento in cui la pianta ha più necessità di acqua. Durante l’estate, se il clima non è particolarmente arido, puoi innaffiare anche una volta alla settimana o comunque quando il terreno è secco.


Fiori di pesco: quando e come concimare

Il pesco ha bisogno di concimi organici ricchi di azoto, potassio e fosforo almeno tre volte all’anno: quando la pianta viene messa a dimora, dopo la fioritura e durante la maturazione dei frutti. Mescola il concime al terriccio senza necessariamente scendere troppo in profondità in quanto il pesco ha delle radici corte e trae nutrimento dallo strato superficiale del terreno. Su Amazon troverai una ricca offerta di concimi organici adatti alle piante da frutto come il pesco.


Fiori di pesco: origine della pianta e significato

Una leggenda orientale narra di un pescatore che, trovando uno strano nocciolo nella pancia di un pesce appena pescato, decise di piantarlo. L’alberello che generò era così bello e i suoi fiori così profumati che decise di chiamarlo Pesco, perché il nocciolo fu trovato grazie alla sua attività di pesca.
I fiori di pesco simboleggiano la rinascita e l’amore eterno, per questo vengono usati nelle decorazioni pasquali e per i matrimoni. Basta un ramo fiorito per rallegrare la tavola di Pasqua e fare gli auguri alle persone che ami!

Vuoi scoprire di più del mondo Assistenza Casa? Qua trovi tutte le risposte.