Iscriviti alla NEWSLETTER e rimani aggiornato sui contenuti del Blog!

Iscriviti
Blog ufficiale di Assistenza Casa: leggi le ultime news e i suggerimenti su sicurezza domestica, risparmio energetico, tecnologia, benessere e fai-da-te.

Elleboro, la rosa bianca di Natale

Ha delicati petali bianchi e si può coltivare in vaso, resiste al freddo e dà un tocco candido al tuo balcone: l’Helleborus niger o “rosa di Natale” è una pianta ideale per l’inverno. E durante le feste di fine anno puoi portare il vaso all’interno per rallegrare la casa! Scopri come curare il tuo elleboro.

 

In un periodo in cui i fiori in balcone sono una rarità, c’è una pianta che inizia a sbocciare proprio a dicembre e dà il meglio di sé fino a febbraio. L’elleboro nero (Helleborus niger, varietà del genere Helleborus) fiorisce all’inizio dell’inverno e ci regala splendidi boccioli bianchi, a dispetto del suo nome, che si riferisce ai toni molto scuri del rizoma (la parte di fusto sotterranea). Più comunemente questa specie, che ha una corolla simile a quella della rosa canina, è nota come “rosa di Natale” ed è una raffinata alternativa alla tradizionale stella di Natale per decorare e rallegrare la tua casa durante le feste di fine anno!

Non perderti le ultime news!

Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente i consigli su giardinaggio, fai da te, risparmio domestico, sicurezza e tecnologia.

Iscriviti ora

Come si cura l’elleboro

Fiorai e vivai sono i posti dove acquistare l’elleboro, il cui prezzo si aggira intorno ai 10 euro. Una volta che ti sarai aggiudicato il tuo vaso (meglio se ampio e in terracotta), non ti sarà difficile prenderti cura di questa pianta perenne. Riponila sul balcone senza sottovaso, in un punto a mezz’ombra: in natura l’elleboro vive nel sottobosco, per cui non ama il sole diretto, se non quello del primo mattino. Mantieni il terreno umido ma mai zuppo: non esagerare dunque con le annaffiature. Puoi invece aumentare la frequenza delle irrigazioni quando la tua rosa di Natale sfiorirà – in genere a marzo – e si trasformerà in un simpatico cespuglio verde.
L’elleboro in vaso, anche dentro casa

Durante il periodo di fioritura, puoi portare il vaso dentro casa, mettendolo in un luogo fresco e al riparo dai raggi solari. Se hai anche una stella di Natale, del pungitopo o dell’agrifoglio, che ne dici di creare un angolo tutto natalizio? E se stai organizzando una cena nelle feste con parenti o amici, sfrutta il tuo vaso di elleboro come centrotavola: il successo è assicurato!

Tutti i colori dell’elleboro

In Italia la specie di elleboro più diffusa è proprio l’Helleborus niger; tuttavia negli ultimi tempi – complice l’indiscusso fascino di questa pianta ornamentale – si stanno diffondendo anche altre varietà (Helleborus viridis, Helleborus abchasicus, Helleborus purpurascens, per esempio). Perciò non stupirti se dal fioraio ti imbatterai in fioriture giallo-verde, rosa, rosso e porpora invece che bianche… Tutte le corolle dell’elleboro hanno tonalità splendide e daranno un tocco davvero originale al tuo balcone e alla tua casa.


Dillo con un fiore: il significato dell’elleboro

L’elleboro viene venduto anche come fiore reciso e si conserva mediamente per una decina di giorni. Un elegante mazzo di rose di Natale sarà senz’altro un regalo gradito, anche perché nel linguaggio dei fiori l’elleboro simboleggia rinascita e liberazione dal dolore, dalle pene e in generale da qualunque situazione negativa: perfetto per chi ha voglia di cambiamenti, in vista dell’anno nuovo!