Come curare la portulaca in vaso

Ama il sole diretto, ha bisogno di poca acqua, ti regala bellissimi fiori colorati anche quando il caldo si fa torrido: scopri come prenderti cura della portulaca in vaso sul tuo balcone o terrazzo.



Se noti una macchia di colore tra i cespugli delle rocce a picco sul mare probabilmente si tratta di fiori di portulaca, una pianta che cresce spontanea tra la vegetazione mediterranea. Per la sua rusticità e le poche esigenze di cura è l’ideale per ornare il tuo balcone nel pieno del caldo sole estivo. Ecco come coltivare in vaso questa pianta dai fiori coloratissimi.


Caratteristiche della portulaca

La portulaca è una pianta succulenta originaria dell’America latina, ne esistono diverse varietà ma quella più adatta ad essere coltivata in vaso è la portulaca grandiflora che regala generose fioriture di molti colori: rosso, arancione, rosa, fucsia, bianco e giallo. Ama l’esposizione in pieno sole e sono proprio il caldo e la luce a far schiudere i suoi fiori che poi si richiuderanno la notte. Per la sua natura selvaggia tende a riprodursi ed espandersi facilmente se coltivata in giardino mentre è più facile contenerla in vaso, anche se cresce molto rapidamente e ha frequenti fioriture. Non ama i climi rigidi per cui sotto i 10° sopravvive se portata in una zona al riparo dal freddo. Caratteristiche simili ha la varietà orelacea che però ha fiori meno belli ma commestibili, l’ideale per dare gusto e colore alle tue insalatone estive!

Temi che il tuo impianto idraulico da un momento all’altro possa fare acqua da tutte le parti?

Sappi che prevenire è meglio che asciugare! Con Intervento Acqua hai un intervento all’anno sul tuo impianto idraulico e la garanzia di oltre 2.000 artigiani pronti a rispondere alla tua chiamata!Scopri di più

Come curare la portulaca

Cresce ovunque, anche in terreni poveri e asciutti. Per questo è facile vederla coprire rocce brulle e con scarsa vegetazione, quindi anche per la coltivazione in vaso non necessita di un terreno concimato. Mescola al normale terriccio della sabbia per favorire il drenaggio dell’acqua affinché non ristagni provocando il marciume delle radici. Bagna raramente ma con una certa costanza, anche in estate, solo quando senti il terreno asciutto e concima solo quando noti un calo di vigore della pianta, con un fertilizzante liquido per piante fiorite. Usa un vaso piuttosto grande per favorire il rapido sviluppo della pianta e non vedere i suoi fiori cadenti lungo i lati del vaso. Procedi anche frequentemente alla potatura della portulaca per darle una forma armoniosa e mantenere vigorose le fioriture.


Come proteggere la portulaca dai parassiti

Raramente la portulaca è attaccata dai parassiti, proprio per la sua robustezza e capacità di adattarsi all’ambiente naturale. Tuttavia gli afidi sono sempre in agguato e devi intervenire tempestivamente!
Per eliminarli puoi spruzzare una soluzione di acqua e sapone di Marsiglia (20g per 1 litro d’acqua), oppure un prodotto specifico contro questi parassiti.

Se vuoi una pianta facile da curare, la portulaca fa al caso tuo. Segui i nostri consigli e vivrà rigogliosa a lungo, regalando al tuo balcone splendide fioriture primaverili ed estive!

Hai qualche dubbio sui nostri prodotti? Qua trovi tutte le risposte.