Come curare il tronchetto della felicità

Dracaena fragrans, ovvero il tronchetto della felicità: ecco come prendersi cura di questa pianta di poche pretese e perfetta per il tuo appartamento.



Ci sono molti motivi per convincerti ad ospitare nella tua casa un tronchetto della felicità. È tra le piante da interno più belle, si adatta ad ogni ambiente, necessita di poche cure, purifica l’aria e ti regala il buon umore. Per questo si chiama tronchetto della felicità! Ecco allora che cosa devi sapere per prendertene cura al meglio!


Caratteristiche del tronchetto della felicità

Il tronchetto della felicità, conosciuto anche come yucca o dracena, è una pianta di origini tropicali e cresce in natura in Asia e Africa. Raggiunge altezze fino ai 15 metri e si adatta bene a vivere in appartamento perché ama temperature costanti e miti tra i 18° e i 21° ma sopporta bene fino ai 26°. Cresce molto lentamente (circa 15 cm all’anno) non superando i 2 metri di altezza. Se invece vuoi posizionarlo all’esterno ricorda che teme il freddo e se le temperature scendono sotto i 12° la pianta non sopravviverà. Il tronchetto della felicità può avere uno o più tronchi dai quali sbucano ciuffi di foglie di un verde intenso dalla forma allungata. Ha la caratteristica di essere tra le piante da interno più efficienti nel purificare l’aria, assorbendo grandi quantità di anidride carbonica e contribuendo ad eliminare sostanze dannose come la formaldeide. Ecco altre piante che hanno questa capacità filtrante e depurativa. Questo è solo uno dei motivi per scegliere il tronchetto della felicità per abbellire la tua casa. E se non hai il pollice verde, ricorda che è una pianta che ha bisogno di poche cure per vivere a lungo in salute, vediamo quali!

Proteggi i tuoi impianti, per non avere rimpianti.

Con Intervento Impianti puoi richiedere un intervento all’anno su Luce, Gas e Acqua. Una soluzione flessibile che ti permetterà di scegliere l’intervento sull’impianto che ne ha più bisogno.Scopri di più

Dove posizionare il tronchetto della felicità

Se hai una grande finestra esposta a sud e protetta da una tenda leggera, questo è il posto giusto per posizionare il tuo tronchetto della felicità. Molta luce ma mai diretta sono le condizioni ideali per favorire la crescita della pianta. Ricordati però di tenerla lontano da fonti di calore come i termosifoni e al riparo dalle correnti d’aria. Per capire se quello è davvero il posto giusto osserva le foglie: se ha troppa luce perderanno colore, se invece ne ricevono poca rimarranno piccole e perderanno le belle linee che le caratterizzano.


Quando annaffiare il tronchetto della felicità

Come tutte le piante tropicali, anche il tronchetto della felicità ha bisogno del giusto tasso di umidità per crescere in salute. Per creare un microclima umido puoi accostarlo ad altre piante e spruzzare le foglie con un vaporizzatore d’acqua almeno 1 volta alla settimana.
Anche le annaffiature costanti sono importanti: durante l’autunno e l’inverno basterà annaffiare la pianta 1 volta alla settimana, mentre in primavera ed estate ogni 2 giorni, verificando prima che lo strato superiore del terriccio sia asciutto. L’acqua eccessiva può danneggiare la pianta e si formeranno sulle foglie delle chiazze scure. Ultimo consiglio: non lasciare ristagni d’acqua nel sottovaso!


Come far crescere rigoglioso il tronchetto della felicità

Se vuoi aiutare la fogliazione puoi usare del concime liquido ricco di azoto e potassio da diluire nell’acqua dell’annaffiatura 1 volta alla settimana, soltanto nel periodo vegetativo, ovvero in primavera ed estate. Durante il resto dell’anno non occorre concimare, ma mantieni pulita la pianta togliendo le foglie secche o che sono diventate marroni e passa un panno umido sulle altre foglie per togliere la polvere e lasciarle respirare.
Raramente il tronchetto della felicità viene aggredito da parassiti. Se noti delle palline bianche appiccicose, simili a piccoli batuffoli di cotone, alla base delle foglie, si tratta di cocciniglia. Puoi debellarla con il lavaggio delle foglie con sapone di Marsiglia diluito nell’acqua: immergi un panno morbido nell’acqua e sapone, strizza bene e passalo delicatamente su tutte le foglie rimuovendo le tracce di cocciniglia, lascia agire 30 minuti e poi risciacqua.

Viste le caratteristiche e la facilità di cura del tronchetto della felicità, potrebbe essere anche la pianta giusta da regalare a una persona cara come simbolo di buon auspicio, come promette il suo nome!

Hai qualche dubbio sui nostri prodotti? Qua trovi tutte le risposte.